Passa ai contenuti principali

Bio e contatti


Giovanni Bigazzi si laurea a Firenze conseguendo la laurea in Architettura con una tesi sul recupero urbano degli studi degli artisti in Piazza Donatello, relatore Giuliano Maggiora. Sin dai primi anni Novanta ha modo di collaborare con diversi studi di architettura specializzandosi nell’impiego delle tecnologie informatiche nella professione di architetto: sistemi CAD, modellazione 3D, rendering, calcolo strutturale. Importante in questa fase la collaborazione con l’architetto Giovanni Corradetti.

Con l’avvento di Internet, all’inizio degli anni Duemila, a Firenze dà vita alla Webstaff, una web agency la cui mission è stata fin dall'inizio quella di orientare le aziende nella trasformazione digitale. Di qui lo sviluppo di piattaforme per il web e l'e-business, core dell'attività dell'impresa per oltre vent’anni.

Negli ultimi anni, le nuove sfide imposte dalla rivoluzione digitale lo hanno portato a sviluppare una sensibilità per i diritti e le libertà fondamentali e a fornire consulenza professionale nelle aree oggi strategiche dei diritti digitali e della privacy. Oggi oltre a svolgere il ruolo di Responsabile per la protezione dei dati (RPD / DPO) sia per enti pubblici che privati, eroga attività formativa sui temi della normativa sulla protezione dei dati personali, cybersecurity, fattore umano e consapevolezza del rischio informatico, dell’applicazione delle nuove tecnologie digitali come la blockchain al mondo dell’arte e della fotografia d'autore.

Specializzazioni:
  • Consulente informatico e web engineer.
  • DPO - Data Protection Officer (RPD - Responsabile della Protezione dei Dati).
  • CPD - Consulente sulla Protezione dei Dati (Nuova LPD della Confederazione Svizzera).
  • CISO - Chief Information Security Officer.
  • Privacy Officer e Consulente della Privacy certificato TÜV Italia n° CDP_310 in conformità alla norma ISO/IEC 17024:2012.
  • Associato AIP - ITCS (Associazione Informatici Professionisti).
  • Iscritto all'Albo Periti del Tribunale Ordinario di Firenze nella categoria Ingegneria e relative specialità.

Servizio di Responsabile della protezione dei dati RPD/DPO:
  • Supporto per l'adeguamento e la compliance al GDPR.
  • Consulenza specialistica esterna di Data Protection Officer (DPO) ai sensi dell'art. 39 del regolamento (UE) 2016/679.
  • Consulente certificato in materia di privacy e protezione dei dati personali.
  • Consulenza specialistica esterna a supporto del Data Protection Officer (DPO) interno.
  • Realizzazione valutazioni d'impatto privacy (Privacy Impact Assessment) ai sensi degli artt. 35 e 36 del regolamento (UE) 2016/679.
Erogazione attività formativa:

DPO Giovanni Bigazzi
Via dell'Oriuolo 8 - 50122 Firenze FI
E-mail: dpo@bigazzi.it
Linkedin: https://www.linkedin.com/in/giovannibigazzi/


Disclaimer:
Questo blog è aggiornato senza periodicità: la frequenza degli articoli pubblicati non è prefissata, ma si basa sull’ispirazione del momento. Per questo motivo il mio blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I contenuti dei singoli post rappresentano il mio personale punto di vista. Non mi assumo alcuna responsabilità per il contenuto di siti esterni eventualmente linkati nel blog o per i commenti degli utenti ai miei articoli.

Alcune delle immagini presenti su questo blog sono state reperite su internet, e per quanto è possibile viene sempre citata la fonte o l’autore, sempre nel rispetto della Licenza Creative Commons. Chiunque si ritenesse danneggiato e/o leso nei suoi diritti d’autore può contattarmi con un e-mail agli indirizzi contenuti in questa pagina e richiedere la rimozione delle immagini o qualunque altro tipo di materiale presente sul blog.

Post popolari in questo blog

Cancellazione sicura: la sanificazione dei dati informatici

La sanificazione è un punto importante del ciclo di vita del dato: quando il dato giunge al termine del suo ciclo vitale ovvero quando è diventato inutile, obsoleto o ridondante è essenziale poterlo dismettere in modo sicuro facendo in modo che non sia possibile per nessuno poterlo ricostruire in alcun modo. Formattare i dischi da smaltire non basta, è come buttare nel cassonetto un libro strappando solo la pagina dell'indice, il primo che passa potrebbe recuperarlo e leggerlo. I vostri dati sono tutti al loro posto pronti per essere ripristinati. Secondo un'indagine condotta da uno dei maggiori produttori mondiali di HD sulla vendita online di supporti di memorizzazione usati è stato possibile recuperare integralmente il contenuto di questi hard disk ben 7 volte su 10. Molti dati personali vengono recuperati da supporti digitali smaltiti in modo superficiale. In cosa consiste la sanificazione dei dati? Si definisce sanificazione dei dati quel processo attraverso il qua

Chiamate vocali a prova di intercettazione con Signal

Di tanto in tanto mi capita di scorrere la lista di coloro tra  miei contatti che sono iscritti a Signal, l'applicazione voip gratuita e open source basata sulla crittografia end-to-end lanciata nel 2014 dall'organizzazione no profit Open Whisper Systems, e mi dolgo davvero di quanto pochi essi siano soprattutto se paragonati con quelli iscritti alla più popolare app di messagistica di Meta, ovvero la maggior parte di loro. Anarchico, hacker, crittografo, maestro d'ascia, skipper, Moxie Marlinspike, il fondatore del servizio Signal, è convinto che il progresso tecnologico debba andare di pari passo con la sicurezza degli utenti. Così intorno alla sua "creatura" è nata una community di persone che mettono la privacy al primo posto. Tra questi anche Edward Snowden il whistleblower ex consulente dell'NSA, l'agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che nella primavera del 2013 divulgò una serie di informazioni classificate sui piani di sorveglian

L'arte del camuffamento: come ingannare gli algoritmi di riconoscimento facciale

La società nella quale viviamo è purtroppo diventata anche una società del controllo e della sorveglianza. Per proteggere la nostra privacy è opportuno adottare un modello di autodifesa digitale (privacy threat model) adeguato al nostro profilo di rischio. Se sei arrivato su questa pagina e stai leggendo questo blog allora hai già fatto il primo passo: puoi far parte anche tu del nostro gruppo di #gentesicura . Per sviluppare un modello di autodifesa digitale occorre farsi alcune domande: che tipo di informazioni voglio proteggere? Da chi le voglio nascondere? Quale sarebbe l'impatto sulla mia vita se queste informazioni venissero scoperte? Oggi una delle minacce più gravi è certamente rappresentata dai sistemi di videosorveglianza e dai loro algoritmi di riconoscimento facciale. Probabilmente in qualche banca dati digitale è già presente una vostra foto collegata al vostro nome e cognome. Anche se non è detto che questo database sia pubblico, è sempre buona norma fare una ricerca